eliminare il seno maschile

Come eliminare il seno maschile, patologia anche conosciuta come ginecomastia.

Come eliminare il seno maschile

L’eccessivo aumento delle ghiandole mammarie negli uomini colpisce oltre il 40% della popolazione mondiale. Se per le donne non è un problema avere un seno grande, lo stesso non vale per gli uomini, poiché l’eccessivo sviluppo del seno non si adatta affatto al canone di bellezza maschile.

Che cos’è la ginecomastia

La ginecomastia è l’ingrossamento del tessuto mammario: si verifica quando c’è uno squilibrio tra i livelli di ormoni maschili e femminili nell’organismo. Questo provoca un aumento esagerato delle dimensioni delle ghiandole mammarie ed è accompagnato da un indurimento dell’area del capezzolo.

La ginecomastia associata a traumi psicologici

Secondo le teorie della medicina moderna, gli uomini che soffrono di ginecomastia e vogliono eliminare il seno maschile presentano nella maggior parte dei casi una serie di disturbi psicologici causati dal disagio sociale della patologia. I pazienti, specialmente in età adulta e nei casi più gravi, possono vergognarsi cercando di nascondere il proprio corpo in situazioni normali nella vita di tutti i giorni.

Alcuni pazienti utilizzano una cinghia di compressione che opprime la zona pettorale, per nascondere così il tessuto in eccesso, una soluzione discutibile e ovviamente temporanea.

Le diverse tipologie di ginecomastia

I casi di ginecomastia si presentano per motivi diversi: per questa ragione la malattia è distinta in una serie di categorie. La ginecomastia fisiologica si verifica nell’età neonatale, puberale o senile a causa di cambiamenti ormonali. In caso di squilibri e alterazioni metaboliche si manifesta la ginecomastia patologica . La ginecomastia farmacologica si verifica quando si assumono determinati farmaci che possono indurre la patologia, lo stesso vale per l’abuso di droghe. Esiste inoltre la ginecomastia idiopatica, in cui la condizione appare nel paziente senza un motivo manifesto.

Come si effettua la diagnosi?

Nella maggior parte dei pazienti che hanno intenzione di eliminare il seno maschile, la ginecomastia viene diagnosticata a vista con un esame medico. È fondamentale un’anamnesi accurata per capire la storia clinica del paziente. Ulteriori test ed esami possono essere raccomandati per aiutare a stabilire la causa della patologia.

Questi possono includere esami del sangue per esaminare la funzionalità del fegato, dei reni e della tiroide. In alcuni casi può anche essere raccomandata la misurazione specifica dei livelli ormonali nel flusso sanguigno.

Come si svolge la procedura per eliminare il seno maschile?

Durante la procedura chirurgica di ginecomastia, il chirurgo esegue un’incisione intorno all’areola e, nella maggior parte dei casi, la liposuzione viene effettuata partendo dalla regione del seno. La procedura è di solito eseguita in anestesia locale con sedazione cosciente o in anestesia generale.

L’operazione dura 1 o 2 ore e non è dolorosa. Il riposo a letto è obbligatorio per due giorni dopo la procedura e il paziente deve indossare una maglia di compressione per circa un mese. A partire dal terzo giorno, il paziente può tornare alle normali attività quotidiane, evitando però qualsiasi sforzo. Dopo una settimana, al massimo dieci giorni, può tornare al lavoro e dopo quattro settimane recupera la piena funzionalità del proprio corpo.

 

Cosa aspetti? Scrivici o chiamaci per maggiori informazioniVieni a trovarci nella nostra clinica di Milano o di Roma!